Seleziona la tua lingua

MENU / EDIZIONI GRAFICHE

QRcode

Hotel Continental (Le Monde invisible), 1973

GPE-0011

Stampa fotografica, lastra di plexiglas, pietra

Fotografia 18 x 12 cm, lastra 45 x 30 cm

Firmato, titolato e datato al verso della fotografia: “Giulio Paolini / Hotel Continental / (Le monde invisible) / 1973”

Numerazione autografa al verso della fotografia, in basso al centro

9 esemplari in numeri arabi da 1/9 a 9/9

Edizione prodotta in proprio dall’artista

L’edizione deve essere allestita su una base bianca 80 x 60 x 60 cm, con teca di protezione in plexiglas 40 x 60 x 60 cm. La fotografia non va appoggiata direttamente sul piano di appoggio, bensì su una lastra di plexiglas 45 x 30 cm e deve essere trattenuta da una seconda lastra analoga. La fotografia deve essere orientata in posizione leggermente sfalsata rispetto ai lati della base, in analogia all’immagine stessa. La pietra va posata sopra la lastra trasparente che trattiene la fotografia, in corrispondenza della pietra raffigurata nell'immagine.

Una fotografia del dipinto di René Magritte intitolato Le Monde invisible (1954), che raffigura una grossa pietra davanti a una finestra spalancata sul mare, è trattenuta da una lastra di plexiglas. Una pietra vera è posata in corrispondenza di quella fotografica, in modo da celare parzialmente l’immagine.
La pietra-oggetto di Paolini che nasconde la pietra-immagine di Magritte raddoppia il gesto di occultamento visivo, contrapposto alla veduta prospettica annunciata dalla finestra aperta. Come la pietra di Magritte impedisce allo sguardo di sconfinare oltre la finestra, così la pietra di Paolini trattiene la visione sulla soglia che divide la realtà materiale dagli artifici della rappresentazione.
La locuzione “Hotel Continental” riprende un’esperienza personale dell’artista, che pochi mesi prima, in occasione di una trasferta a Napoli, soggiornò all’Hotel Continental: la stanza affacciata sul mare gli ricordò il dipinto di Magritte, da qui l’associazione dei due momenti nel titolo dell’edizione.

René Magritte, Le Monde invisible, 1954, olio su tela, 195 x 130 cm, The Menil Collection, Houston.

1974 Napoli, Modern Art Agency, Giulio Paolini. Idem (III), dal 26 gennaio.
1976 Firenze, Galleria Area, Giulio Paolini, dal 10 aprile.
1976 Verbania, Museo del Paesaggio, Aptico. Il senso della scultura. IIa Biennale internazionale di scultura contemporanea di Verbania-Pallanza, 11 luglio - 15 settembre, citato come esposto nell'aletta posteriore della sovraccoperta; ripr. p. 59.
1977 Mannheim, Mannheim Kunstverein, Giulio Paolini, 31 luglio - 28 agosto, non ripr.
1986 Francoforte, Frankfurter Kunstverein, 1960-1985. Aspekte der italienischen Kunst, dal 17 gennaio, itinerante: Berlino, Haus am Waldsee, marzo - aprile; Hannover, Kunstverein Hannover, maggio - giugno; Bregenz, Bregenzer Kunstverein, Künstlerhaus Thurn und Taxis, luglio - agosto; Vienna, Hochschule für angewandte Kunst, settembre - ottobre, citato come esposto p. 142, ripr. col. n. 2 p. 36 (con allestimento errato); esemplare 2/9.
1991 Verona, Galleria d’Arte Moderna Palazzo Forti, Da Magritte a Magritte, 6 luglio - 20 ottobre, ripr. col. p. 244.
1992 Bonn, Bonner Kunstverein, Giulio Paolini. Impressions graphiques. Das graphische Werk 1967-1992, 24 febbraio - 29 marzo (catalogo Impressions graphiques. L’opera grafica 1967-1992 di Giulio Paolini, Marco Noire Editore, Torino 1992, cat. n. 11).
1992-93 Parigi, Galerie Di Meo, Giulio Paolini. Œuvres de 1963 à 1978, 27 novembre 1992 - 30 gennaio 1993, citato come esposto p. 67, ripr. col. p. 45.
1993 Winterthur, Kunstmuseum Winterthur, Giulio Paolini. Impressions graphiques. Das druckgraphische Werk 1967-1992, 16 gennaio - 7 marzo (catalogo Impressions graphiques. L’opera grafica 1967-1992 di Giulio Paolini, Marco Noire Editore, Torino 1992, cat. n. 11).
1995 Lisbona, Fundação Calouste Gulbenkian / Centro de Arte Moderna José de Azeredo Perdigão, Giulio Paolini. Impressions graphiques. Múltiplos e Obra Gráfica 1969-1995, 16 marzo - 28 maggio, non ripr. nel pieghevole (catalogo Impressions graphiques. L’opera grafica 1967-1992 di Giulio Paolini, Marco Noire Editore, Torino 1992, cat. n. 11).
1996 Apolda, Kunsthaus Apolda Avantgarde, Giulio Paolini. Impressions graphiques, 27 settembre - 27 ottobre (catalogo Impressions graphiques. L’opera grafica 1967-1992 di Giulio Paolini, Marco Noire Editore, Torino 1992, cat. n. 11).
1997 Göppingen, Kunsthalle, Giulio Paolini. Impressions graphiques. Das graphische Druckwerk 1967-1995, 9 marzo - 13 aprile (catalogo Impressions graphiques. L’opera grafica 1967-1992 di Giulio Paolini, Marco Noire Editore, Torino 1992, cat. n. 11).
2001 Milano, Association Jacqueline Vodoz et Bruno Danese, Impressions Graphiques. L’opera grafica di Giulio Paolini, 1967-2000, 17 maggio - 22 giugno, non ripr.
2006 Bergamo, GAMeC Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea, Giulio Paolini. Fuori programma, 6 aprile - 16 luglio, ripr. col. pp. 62-63, 64 (vedute dell’opera in mostra), 66.
2008 Carrara, Accademia di Carrara, Aula Magna, XIII Biennale Internazionale di Scultura di Carrara. Nient’altro che scultura, 27 luglio - 28 settembre, ripr. col. p. 56 (veduta espositiva Bergamo 2006).
2012-13 Roma, Erica Ravenna Arte Contemporanea, Dalla realtà alla profondità, 26 ottobre 2012 - 31 gennaio 2013, ripr. col. s.p.; esemplare 5/9.
1960-1985. Aspekte der italienischen Kunst, catalogo della mostra, Frankfurter Kunstverein, Francoforte, Edizioni Gabriele Mazzotta, Milano 1986, ripr. col. p. 36 (allestimento errato).
Da Magritte à Magritte, catalogo della mostra, Galleria d’Arte Moderna di Palazzo Forti, Verona, Gabriele Mazzotta editore, Milano 1991, ripr. col. p. 244.
Impressions graphiques. L’opera grafica 1967-1992 di Giulio Paolini, Marco Noire Editore, Torino 1992, cat. n. 11, ripr. col.
Giulio Paolini. Fuori programma, catalogo della mostra, GAMeC Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea, Bergamo, Silvana Editoriale, Cinisello Balsamo (Milano) 2006, ripr. col. pp. 62, 66.
M. Disch, Giulio Paolini. Catalogo ragionato 1960-1999, Skira editore, Milano 2008, vol. 2, cat. n. 658 p. 674, non ripr.
Scheda a cura di Bettina Della Casa e Maddalena Disch, 12/04/2024