Seleziona la tua lingua

MENU / EDIZIONI GRAFICHE

QRcode

GPE-0012

Fogli dattiloscritti

Tre fogli 28 x 22 cm ciascuno

Firmato e datato al verso del terzo foglio, al centro: “Giulio Paolini / 1974”

Numerazione autografa al verso del terzo foglio, in basso al centro

60 esemplari in numeri arabi da 1/60 a 60/60
7 prove d’artista in numeri arabi da 1/7 (p.a.) a 7/7 (p.a.)

Minetti-Rebora Edizioni, Genova

L’edizione si inscrive nell’attività della Galleriaforma, Genova – fondata nel 1972 da Paolo Minetti e Emilio Rebora – che fin dall’inizio include la produzione di edizioni e multipli. Paolini presenta la sua unica esposizione personale alla Galleriaforma dal 30 marzo al 19 aprile 1974.

Cartella a due ante in cartoncino grigio, con tre lembi, formato chiuso 28 x 23 cm, muta. Contiene l’edizione, senza fogli accessori.

I tre fogli, incorniciati senza passe-partout, vanno accostati a brevi intervalli in sequenza orizzontale (in tre cornici singole o in un’unica cornice). L’ordine di successione dei tre elementi è vincolante: nei nominativi in alto al centro si susseguono, da sinistra verso destra, Germano Celant, Mirella Bandini e Giulio Paolini.

L’edizione è composta dalla sequenza di tre fogli dattiloscritti, di eguale composizione e misura. Il primo riporta i dati bibliografici della monografia dedicata all’artista da Germano Celant nel 1972 (Sonnabend Press, New York). Il secondo riferisce i dati bibliografici della recensione della stessa monografia a cura di Mirella Bandini nella rivista d’arte “Nac” (n. 4, Milano, aprile, 1973, p. 41). Il terzo foglio riporta i dati anagrafici dell’edizione medesima (autore, titolo, editore, luogo e anno di stampa).
Nella successione dei tre fogli, il secondo attesta l’esistenza del primo, mentre il poscritto finale si limita ad attestare l’esistenza dell’edizione stessa. Attraverso l’evocazione di un soggetto assente (il libro di Celant), richiamato attraverso il linguaggio, l’opera non rivela né dichiara alcunché. Analogamente, il poscritto non aggiunge nulla, limitandosi a certificare i dati anagrafici dell’edizione medesima. Anziché proporre qualcosa, l’opera interroga il linguaggio come tale e il concetto di duplicazione o moltiplicazione, implicito alla natura dell’edizione grafica.

1974 Genova, Galleriaforma, Giulio Paolini. Idem (IV), 30 marzo - 19 aprile.
1975 Zurigo, Galerie Annemarie Verna, Giulio Paolini, 4-30 aprile.
1975 Monaco di Baviera, Galerie Art in Progress, Giulio Paolini, 18 aprile - 21 maggio.
1977 Mannheim, Mannheim Kunstverein, Giulio Paolini, 31 luglio - 28 agosto, non ripr.
1985 Ravenna, Pinacoteca Comunale, Loggetta Lombardesca, Giulio Paolini. Tutto qui, 15 giugno - 22 settembre, non ripr.
1990 Londra, Anna Bornholt Gallery, Chiasmus, 4 maggio - 14 giugno, citato come esposto s.p., non ripr.
1992 Bonn, Bonner Kunstverein, Giulio Paolini. Impressions graphiques. Das graphische Werk 1967-1992, 24 febbraio - 29 marzo (catalogo Impressions graphiques. L’opera grafica 1967-1992 di Giulio Paolini, Marco Noire Editore, Torino 1992, cat. n. 12).
1993 Winterthur, Kunstmuseum Winterthur, Giulio Paolini. Impressions graphiques. Das druckgraphische Werk 1967-1992, 16 gennaio - 7 marzo (catalogo Impressions graphiques. L’opera grafica 1967-1992 di Giulio Paolini, Marco Noire Editore, Torino 1992, cat. n. 12).
1995 Lisbona, Fundação Calouste Gulbenkian / Centro de Arte Moderna José de Azeredo Perdigão, Giulio Paolini. Impressions graphiques. Múltiplos e Obra Gráfica 1969-1995, 16 marzo - 28 maggio, non ripr. nel pieghevole (catalogo Impressions graphiques. L’opera grafica 1967-1992 di Giulio Paolini, Marco Noire Editore, Torino 1992, cat. n. 12).
1996 Torino, Galleria Martano, Artists’ Books, 8 maggio - 10 giugno, citato come esposto s.p., non ripr.
1996 Apolda, Kunsthaus Apolda Avantgarde, Giulio Paolini. Impressions graphiques, 27 settembre - 27 ottobre (catalogo Impressions graphiques. L’opera grafica 1967-1992 di Giulio Paolini, Marco Noire Editore, Torino 1992, cat. n. 12).
1997 Göppingen, Kunsthalle, Giulio Paolini. Impressions graphiques. Das graphische Druckwerk 1967-1995, 9 marzo - 13 aprile (catalogo Impressions graphiques. L’opera grafica 1967-1992 di Giulio Paolini, Marco Noire Editore, Torino 1992, cat. n. 12).
2002 Modena, Biblioteca civica d’arte Luigi Poletti, Giulio Paolini. Pagine, 20 settembre - 23 novembre, ripr. col. pp. 26-27 (didascalia p. 91).
2006 Rivoli, Castello di Rivoli Museo d'Arte Contemporanea, Libri Books Bücher, 29 aprile - 30 luglio, senza catalogo.
2008 Torino, Giorgio Maffei, Arte Povera. Libri d’artista, multipli, fotografie, 14-23 dicembre, senza catalogo.
G. Paolini, Idem, Giulio Einaudi editore, Torino 1975, ripr. pp. 94-95.
F. Poli, Note di lettura, in Giulio Paolini, Lindau, Torino 1990, p. 41, non ripr. (ripubblicato in Giulio Paolini. Von heute bis gestern / Da oggi a ieri, catalogo della mostra, Neue Galerie im Landesmuseum Joanneum, Graz, Cantz Verlag, Ostfildern-Ruit 1998, p. 67, non ripr.).
Impressions graphiques. L’opera grafica 1967-1992 di Giulio Paolini, Marco Noire Editore, Torino 1992, cat. n. 12, ripr.
L. Dematteis, G. Maffei, Libri d’artista in Italia 1960-1998, Regione Piemonte, Torino 1998, cat. n. 2084 p. 178, ripr. p. 177.
Scheda a cura di Bettina Della Casa e Maddalena Disch, 12/04/2024