Seleziona la tua lingua

MENU / EDIZIONI GRAFICHE

QRcode

GPE-0014

Stampa fotografica, collage e disegno a matita

Tre stampe fotografiche 30 x 40 cm inserite ciascuna in un passe-partout a cartella 35.6 x 50 cm

Firmato, titolato e datato al verso del terzo passe-partout, al centro: “Giulio Paolini / Cahiers d’art / 1974”

Numerazione autografa al verso del terzo passe-partout, al centro

12 esemplari in numeri arabi da 1/12 a 12/12

Lievi differenze nel disegno a matita sono dovute all’esecuzione manuale del disegno da parte dell’autore.

Edizione prodotta in proprio dall’artista

Le tre tavole applicate ciascuna sul fondo di un passe-partout a cartella e incorniciate individualmente devono essere accostate a brevi intervalli regolari in una sequenza orizzontale, nell’ordine dalla prima (con la stampa fotografica a vista) alla terza (con la fotografia interamente coperta dal foglio bianco con il disegno).

Le tre tavole propongono tre diverse declinazioni dello stesso soggetto. Nella prima, la fotografia della doppia pagina di un libro aperto, che riproduce di scorcio la parete di un ambiente espositivo1, è parzialmente nascosta da un riquadro di carta da disegno. Il formato trapezoidale del riquadro bianco lo inscrive nella veduta prospettica della fotografia, in modo da evocare un quadro, precluso però al nostro sguardo. Nella seconda tavola, l’immagine del libro è quasi interamente celata dal foglio bianco, che reca delineato un riquadro trapezoidale, analogo a quello applicato al centro della prima tavola. Nella terza tavola il foglio da disegno copre interamente l’immagine del libro aperto e ripropone, in forma disegnata, l’immagine della prima tavola.
Se da una tavola all’altra gli elementi d’immagine si richiamano e si amplificano a vicenda, il soggetto iniziale perde gradualmente concretezza: dalla fotografia del libro aperto si giunge alla sua rappresentazione pressoché astratta. Dal quadro cieco nella prima tavola al disegno senza volto dell’ultima tavola, il percorso, quantunque sviluppato in una sequenza, è circolare: l’approdo è ancora l’inizio, l’itinerario non porta ad alcun traguardo, per orientare l’attenzione piuttosto sul concetto stesso di immagine e di rappresentazione. Il libro aperto diventa un album da disegno, che chiama in gioco, come suggerisce il titolo
2, il linguaggio stesso dell’arte.
L’edizione trova riscontro in un lavoro di grande formato dallo stesso titolo realizzato l’anno precedente (GPO-0248).

1 La fotografia riproduce la doppia pagina del catalogo dell’esposizione collettiva Teatro delle mostre (Galleria La Tartaruga, Roma, Lerici Editore, Roma 1968, s.p.) con la veduta, scattata da Plinio De Martiis, dell’opera di Paolini in mostra, Autoritratto, 1968 (GPO-0151).
2 La locuzione francese “cahiers d’art” significa alla lettera “quaderni d’arte”; il termine “cahier” designa vari generi di libretti, dal taccuino al diario, dal quaderno all’album. “Cahiers d’art” evoca inoltre la storica rivista di arte e letteratura fondata nel 1926 a Parigi da Christian Zervos – instancabile promotore degli esponenti d’avanguardia del proprio tempo – nonché la casa editrice e la galleria d’arte dallo stesso nome, anch’esse dirette da Zervos.

1975 Monaco di Baviera, Galerie Art in Progress, Giulio Paolini, 18 aprile - 21 maggio.
1976 Genova, Samangallery, Giulio Paolini, 14 gennaio - 7 febbraio.
1976 Brescia, Banco (Galleria Massimo Minini), Giulio Paolini, 4-30 dicembre.
1977 New York, Sperone-Westwater-Fischer, Giulio Paolini, 15 gennaio - 15 febbraio.
1979 Osaka, The National Museum of Art, Modern Italian Art and Japan: Intercourse of their artists, 6 ottobre - 2 dicembre, citato come esposto p. 129, ripr. sciolta.
1987 Francoforte, Frankfurter Kunstverein, Italienische Zeichnungen 1945-1987, 17 giugno - 19 luglio, itinerante: Modena, Galleria Civica d’Arte Moderna, 26 settembre - 20 dicembre (Disegno italiano del dopoguerra), ripr. p. 179.
1989 Torino, Salone del Libro, Impressions graphiques. Progetti e collaborazioni editoriali di Giulio Paolini, 12-18 maggio, cat. n. 2 (sezione “Edizioni a tiratura numerata”), non ripr.
1992 Bonn, Bonner Kunstverein, Giulio Paolini. Impressions graphiques. Das graphische Werk 1967-1992, 24 febbraio - 29 marzo (catalogo Impressions graphiques. L’opera grafica 1967-1992 di Giulio Paolini, Marco Noire Editore, Torino 1992, cat. n. 14).
1993 Winterthur, Kunstmuseum Winterthur, Giulio Paolini. Impressions graphiques. Das druckgraphische Werk 1967-1992, 16 gennaio - 7 marzo (catalogo Impressions graphiques. L’opera grafica 1967-1992 di Giulio Paolini, Marco Noire Editore, Torino 1992, cat. n. 14).
1995 Lisbona, Fundação Calouste Gulbenkian / Centro de Arte Moderna José de Azeredo Perdigão, Giulio Paolini. Impressions graphiques. Múltiplos e Obra Gráfica 1969-1995, 16 marzo - 28 maggio, non ripr. nel pieghevole della mostra (catalogo Impressions graphiques. L’opera grafica 1967-1992 di Giulio Paolini, Marco Noire Editore, Torino 1992, cat. n. 14).
1996 Apolda, Kunsthaus Apolda Avantgarde, Giulio Paolini. Impressions graphiques, 27 settembre - 27 ottobre (catalogo Impressions graphiques. L’opera grafica 1967-1992 di Giulio Paolini, Marco Noire Editore, Torino 1992, cat. n. 14).
1997 Göppingen, Kunsthalle, Giulio Paolini. Impressions graphiques. Das graphische Druckwerk 1967-1995, 9 marzo - 13 aprile (catalogo Impressions graphiques. L’opera grafica 1967-1992 di Giulio Paolini, Marco Noire Editore, Torino 1992, cat. n. 14).
2001 Milano, Association Jacqueline Vodoz et Bruno Danese, Impressions Graphiques. L’opera grafica di Giulio Paolini, 1967-2000, 17 maggio - 22 giugno, non ripr.
2002 Milano, Galleria Milano, Arte in Fotomedia. Una mostra storica, 15 ottobre - 23 novembre, ripr. s.p.
2003-04 Gubbio, Palazzo Ducale, Grande segno cantato, 27 dicembre 2003 - 28 marzo 2004, citato come esposto p. 56, ripr. col. p. 43.
2022 Parigi, Librairie Marian Goodman, Giulio Paolini. Printed Editions and Multiples (1967-1977), 6 ottobre - 26 novembre; esemplare 6/12.
G. Paolini, Una sequenza…, in Impressions graphiques. L'opera grafica 1967-1992 di Giulio Paolini, Marco Noire Editore, Torino 1992, cat. n. 14 (ripubblicato in Giulio Paolini. Correspondances, catalogo della mostra, Accademia di Francia, Villa Medici, Roma, Umberto Allemandi & C., Torino 1996, s.p.).
Impressions graphiques. L’opera grafica 1967-1992 di Giulio Paolini, Marco Noire Editore, Torino 1992, cat. n. 14, ripr., con scritto dell’artista Una sequenza…
Giulio Paolini. Correspondances, catalogo della mostra, Accademia di Francia, Villa Medici, Roma, Umberto Allemandi & C., Torino 1996, ripr. n. 5, con scritto dell’artista Una sequenza...
M. Disch, Giulio Paolini. Catalogo ragionato 1960-1999, Skira editore, Milano 2008, vol. 1, cat. n. 248 p. 259, vol. 2, cat. n. 742 p. 756, non ripr.
Scheda a cura di Bettina Della Casa e Maddalena Disch, 12/07/2024