Seleziona la tua lingua

MENU / EDIZIONI GRAFICHE

QRcode

GPE-0020

Serigrafia su legno

36 x 36 x 2 cm

Firmato e datato al verso, al centro: “Giulio Paolini / 1975”

Numerazione autografa al verso, al centro

64 esemplari in numeri arabi da 1/64 a 64/64
7 prove d’artista in numeri arabi da 1/7 (p.a.) a 7/7 (p.a.)

Edizioni Multipli, Torino

L’edizione si inscrive nella produzione di multipli della Galleria Multipli, Torino – fondata nel 1970 da Giorgio Persano e attiva fino al 1975 – realizzati in stretta collaborazione con esponenti dell’Arte povera e dell’Arte concettuale.

Custodia in cartone avana con alette, formato chiuso 37 x 37 x 3 cm, muta.

L’opera può essere allestita sia in orizzontale, sul piano d’appoggio di una base (o di un tavolo o altro elemento d’arredo in un contesto domestico), sia in verticale, appoggiata su una mensola o all’interno di una scaffalatura o su un altro elemento di supporto.

Il ritratto dello scrittore francese Raymond Roussel – suddiviso in una griglia di sessantaquattro unità alternativamente chiare e scure – è riprodotto su una tavola in legno di formato quadrato, in modo da evocare una scacchiera. Il titolo riprende quello di un romanzo dello stesso Roussel, pubblicato nel 1914.
“Oltre a essere un sublime scrittore, Roussel era anche un eccelso conoscitore delle tecniche scacchistiche (gioco che mi ha sempre affascinato, pur ignorandone le regole). Da qui la scelta di associare la sua immagine a quella della scacchiera. Roussel ci guarda attraverso il reticolo della griglia, restando inafferrabile”
1, dichiara Paolini.
L’immagine dei sessantaquattro esemplari della tiratura del multiplo, allestiti a parete a formare, a loro volta, una scacchiera, ha dato origine al quadro dallo stesso titolo, realizzato nel medesimo anno (GPO-0322).

1 G. Paolini in conversazione con E. Re, 2 maggio 2013.

Ritratto di Raymond Roussel tratto dalla copertina di Dedicato a Raymond Roussel e alle sue “Impressioni d’Africa”, a cura di Cesare Ripa di Meana e Sabina Zanon Dal Bo, Rizzoli, Milano 1964.
Titolo ripreso da Raymond Roussel,
Locus Solus, Alphonse Lemerre, Parigi 1914.

1976 Torino, Galleria Multipli, Giulio Paolini, dal 23 gennaio.
1985 Esslingen am Neckar, Galerie der Stadt, Villa Merkel, Sein und Sehnsucht. 10 italienische Künstler der 60er und 70er Jahre, 19 luglio - 25 agosto, itinerante: Kassel, Kunstverein Kassel, 5-30 ottobre, citato come esposto s.p. (con indicazione errata della tiratura “50 esemplari”), ripr. n. 21.
1989 Torino, Salone del Libro, Impressions graphiques. Progetti e collaborazioni editoriali di Giulio Paolini, 12-18 maggio, cat. n. 4 (sezione “Edizioni a tiratura numerata”), non ripr.
1990 Kiel, Galerie Sfeir-Semler, Allegorie, dall’8 maggio, non ripr.
1990 Bologna, Galleria Comunale d’Arte Moderna, Villa delle Rose, Giulio Paolini. Hotel de l’Univers, 27 maggio - 29 luglio, citato come esposto p. 17, ripr. p. 53 (veduta dell’opera in mostra).
1992 Bonn, Bonner Kunstverein, Giulio Paolini. Impressions graphiques. Das graphische Werk 1967-1992, 24 febbraio - 29 marzo (catalogo Impressions graphiques. L’opera grafica 1967-1992 di Giulio Paolini, Marco Noire Editore, Torino 1992, cat. n. 20).
1993 Winterthur, Kunstmuseum Winterthur, Giulio Paolini. Impressions graphiques. Das druckgraphische Werk 1967-1992, 16 gennaio - 7 marzo (catalogo Impressions graphiques. L’opera grafica 1967-1992 di Giulio Paolini, Marco Noire Editore, Torino 1992, cat. n. 20).
1995 Lisbona, Fundação Calouste Gulbenkian / Centro de Arte Moderna José de Azeredo Perdigão, Giulio Paolini. Impressions graphiques. Múltiplos e Obra Gráfica 1969-1995, 16 marzo - 28 maggio, non ripr. nel pieghevole (catalogo Impressions graphiques. L’opera grafica 1967-1992 di Giulio Paolini, Marco Noire Editore, Torino 1992, cat. n. 20).
1996 Nizza, Musée d’Art Moderne et d’Art Contemporain, Arte Povera. Les multiples, 23 marzo - 16 giugno, citato come esposto p. 37, ripr. col. p. 23.
1996 Apolda, Kunsthaus Apolda Avantgarde, Giulio Paolini. Impressions graphiques, 27 settembre - 27 ottobre (catalogo Impressions graphiques. L’opera grafica 1967-1992 di Giulio Paolini, Marco Noire Editore, Torino 1992, cat. n. 20).
1997 Göppingen, Kunsthalle, Giulio Paolini. Impressions graphiques. Das graphische Druckwerk 1967-1995, 9 marzo - 13 aprile (catalogo Impressions graphiques. L’opera grafica 1967-1992 di Giulio Paolini, Marco Noire Editore, Torino 1992, cat. n. 20).
2001 New York, Esso Gallery, Multipli 1967-2001. Multiples, editions and books by the Arte Povera Artists, 16 gennaio - 3 marzo.
2002 Nuoro, MAN Museo d’Arte Provincia di Nuoro, Vis à vis. Autoritrarsi d’artista, 10 maggio - 30 giugno, citato come esposto p. 128, ripr. p. 93, ripr. col. pp. 94-95 (veduta dell’opera in mostra).
2003 Magdeburgo, Kunstmuseum Kloster Unser Lieben Frauen, La Poetica dell’Arte Povera, 14 settembre - 7 dicembre, citato come esposto p. 236, ripr. col. p. 164; esemplare 22/64.
2004 New York, Esso Gallery, Portraits, 4 giugno - 31 luglio.
2008 Torino, Giorgio Maffei, Arte Povera. Libri d’artista, multipli, fotografie, 14-23 dicembre, senza catalogo.
2014 Berlino, Sprüth Magers, Arte Povera and "Multipli", 18 settembre - 8 novembre; esemplare 45/64.
2018-19 Torino, Mastio della Cittadella, 100% Italia. Cent’anni di capolavori, 21 settembre 2018 - 10 febbraio 2019, ripr. col. p. 609.
2019 Torino, Biasutti & Biasutti, Multipli. Anselmo, Boetti, Fabro, Gilardi, Paolini, Pascali, Penone, Pistoletto, Salvo, 21 marzo - 27 aprile.
2019-20 Milano, ICA Istituto Contemporaneo per le Arti, Arte Povera e "Multipli", Torino 1970-1975, 13 dicembre 2019 - 2 febbraio 2020, senza catalogo; esemplare 45/64.
2022 Madrid, Istituto Italiano di Cultura, Tracce/Huellas. Arte italiano – Obras de la galería Giorgio Persano 1971-2021, 23 febbraio - 4 giugno, senza catalogo; nella guida alla mostra citato nell'elenco delle opere esposte; esemplare 45/64.
G. Paolini in conversazione con B. Corà, in Giulio Paolini. Le “opere a venire”, Atti dell’incontro con l’artista, Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci”, Perugia, 28 aprile 1981, Perugia 1982, p. 15.
G. Paolini, I 64 “luoghi”…, in Impressions graphiques. L'opera grafica 1967-1992 di Giulio Paolini, Marco Noire Editore, Torino 1992, cat. n. 20.
G. Paolini nell’intervista di A. Querci, Giulio Paolini, la métaphore du damier, in “el guía. Art de l’arc méditerranéen”, a. VII, n. 2, Barcellona, febbraio 1994, p. 61, in francese (ripubblicato in Giulio Paolini. La voce del pittore - Scritti e interviste 1965-1995, a cura di M. Disch, ADV Publishing House, Lugano 1995, p. 270, in italiano).
Le Stanze, catalogo della mostra, Castello Colonna, Genazzano, Centro Di, Firenze 1979, ripr. s.p.
L. Busine, Les Doublures de Giulio Paolini, Édition Lebeer-Hossmann, Bruxelles 1986, ripr. p. 31.
F. Poli, Giulio Paolini, Lindau, Torino 1990, ripr. n. 25 p. 30.
Impressions graphiques. L’opera grafica 1967-1992 di Giulio Paolini, Marco Noire Editore, Torino 1992, cat. n. 20, ripr. col., con nota dell’artista I 64 “luoghi”…
G. Paolini, Locus Solus, Edizioni della Galleria Locus Solus, Genova 1993, ripr. nn. 5-6.
A.P. Armand, Chess Game, in “Digraphe”, n. 67, Parigi, febbraio 1994, ripr. p. 153.
Giulio Paolini. Von heute bis gestern / Da oggi a ieri, catalogo della mostra, Neue Galerie im Landesmuseum Joanneum, Graz, Cantz Verlag, Ostfildern-Ruit 1998, ripr. p. 245.
M. Disch, Giulio Paolini. Catalogo ragionato 1960-1999, Skira editore, Milano 2008, vol. 1, cat. n. 322 p. 331, non ripr.
M. Disch, Postfazione, in B. Satre, Giulio Paolini. Essere o non essere, 1994-95 (In collezione, n. 1), Fondazione Giulio e Anna Paolini, Torino, Corraini Edizioni, Mantova 2014, p. 63 (italiano) / 69 (inglese), non ripr.
Scheda a cura di Bettina Della Casa e Maddalena Disch, 12/04/2024